, ,

APPROFONDIMENTI DIDATTICI: LE AVANGUARDIE EDUCATIVE

Le Avanguardie educative sono un movimento di innovazione che condivide e porta a sistema le esperienze più significative di trasformazione del modello organizzativo e didattico della scuola ed è impegnato nella trasformazione di un modello “industriale” e trasmissivo di scuola, non più adeguato alla nuova generazione di studenti e alla società della conoscenza.
Avanguardie educative nasce nel 2014 con un primo gruppo di 22 scuole, ad oggi sono circa 570 le scuole che hanno aderito al Movimento.
Ecco i sette punti chiave del manifesto che propone il movimento Avanguardie educative:
1) Trasformare il modello trasmissivo della scuola
2) Sfruttare le opportunità offerte dalle ICT e dai linguaggi digitali
3) Creare nuovi spazi per l’apprendimento
4) Riorganizzare il tempo del fare scuola
5) Riconnettere i saperi della scuola e i saperi della società della conoscenza
6) Investire sul “capitale umano” della scuola
7) Promuovere l’innovazione perché sia sostenibile e trasferibile.

http://www.indire.it/approfondimento/avanguardie-educative/

, , ,

A SCUOLA DI OPENCOESIONE: APERTO IL BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE PER L’EDIZIONE 2017-2018

È attivo il bando per la partecipazione alla quinta edizione di A Scuola di OpenCoesione (ASOC), un percorso di didattica interdisciplinare innovativa sui temi delle politiche di coesione, open data e data journalism. Saranno finanziati 200 progetti presentati da scuole secondarie superiori di tutto il territorio nazionale e di ogni indirizzo. Gli studenti si metteranno alla prova in attività di monitoraggio civico sui territori a partire dai dati sui progetti finanziati con le risorse delle politiche di coesione.
La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per le ore 12:00 di lunedì 16 ottobre 2017.

http://www.ascuoladiopencoesione.it/

, , , ,

LA CLASSE CAPOVOLTA E L’APPRENDIMENTO ATTIVO

Nella flipped classroom, ovvero classe capovolta, l’idea è quella di invertire il tradizionale schema di insegnamento e apprendimento, facendo dell’aula “non più il luogo di trasmissione delle nozioni ma lo spazio di lavoro e discussione dove si impara ad utilizzarle nel confronto con i pari e con l’insegnante” (cit. Paolo Ferri – professore associato all’Università di Milano Bicocca).
Agli studenti vengono forniti suggerimenti e tutti i materiali necessari per esplorare e approfondire in modo autonomo o, ancor più spesso in piccoli gruppi, uno specifico argomento di studio.
Si utilizzano libri tradizionali, siti web, video tutorial e ogni altro strumento tecnologico che permetta un apprendimento attivo, dinamico e immediato. La tecnologia viene positivamente sfruttata in tutte le sue potenzialità anziché tentare inutilmente di combatterla.
La classe diventa un luogo di confronto e dibattito l’insegnante assume il ruolo di moderatore e motivatore della discussione.
È proprio la motivazione ad essere l’elemento vincente di questo approccio didattico: gli studenti acquistano consapevolezza nello studio, si sentono liberi di affrontare il percorso di apprendimento con tempi e modi propri, sono spronati nell’esprimere le proprie idee e scoprono il piacere della scoperta e del sapere.

, ,

SETTIMANA NAZIONALE DELLA DISLESSIA 2-8 OTTOBRE 2017

L’Associazione Italiana Dislessia organizza la seconda edizione dell’evento SETTIMANA NAZIONALE DELLA DISLESSIA.
Il programma prevede numerosi eventi di informazione e sensibilizzazione su tutto il territorio nazionale, organizzate dagli oltre 1.500 volontari AID delle 80 sezioni locali presenti sul territorio italiano. Saranno coinvolte in qualità di partner istituzioni scolastiche ed enti pubblici.
Protagonisti dell’evento saranno i ragazzi DSA e le iniziative proposte saranno rivolte a loro, alle loro famiglie ma anche a docenti e professionisti.
Idea chiave dell’edizione di quest’anno è quella di leggere l’acronimo DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) da un punto di vista nuovo che valorizzi le potenzialità dei bambini e ragazzi: “DSA? Diverse Strategie di Apprendimento” – Conoscerle per fare la differenza.

https://www.aiditalia.org/